Piazza Faber

Piazza Faber

Un”installazione, leggera e mutevole, progettata dallo studio di architettura Alvisi Kirimoto e i suoi partners insieme a Renzo Piano, al quale si deve l’idea dell’intervento. L’opera vuole essere anche un omaggio alla luce e al colore del paesaggio della Gallura, valorizzando allo stesso tempo la stessa piazza dedicata a Fabrizio De André.

Le “12 matite colorate” sospese in aria, hanno sullo sfondo la cortina di edifici in pietra e le arcate del vecchio mercato. L’idea di Renzo Piano era quella di realizzare una “ragnatela” che fermasse i colori della luce, si traduce così in un gioco leggero e mutevole fatto di funi, teli, colori che non toccano la piazza, ma la ombreggiano e colorano.

I 12 triangoli colorati sono avvolgibili attorno a rulli motorizzati, con un meccanismo simile a quello della vela nautica. La motorizzazione consente varie possibilità, dall’apertura completa delle vele fino alla scomparsa totale. Un proiettore può eventualmente trasformare le vele in gradi schermi dove si possono leggere immagini e parole.

Il progetto della Piazza

Il Gallo di Gallura